FRANCO D'ANDREA

Nessuno può dire cos’è il jazz in assoluto. Per me è stato una buona ragione per vivere; intendo dire una buona motivazione per vivere la vita, senza avere dei problemi tremendi, che senza il jazz avrei avuto di sicuro. E’ stato una grande medicina che mi ha guarito da un sacco di mali. Quando ho incontrato il jazz ho avuto una “botta” incredibile; avevo 14 anni e da allora non è stato più lo stesso. Mi ha affascinato subito perché era diverso da ogni tipo di altra musica. Nessun altra musica aveva lo stesso appeal;  non avrei fatto il musicista se non avessi incontrato il jazz. Questo lo posso dire con assoluta tranquillità. (continua a pag. 78)